Vai a sottomenu e altri contenuti

IMU - Imposta Municipale Propria

L'Imposta municipale propria o Imposta municipale unica (IMU) è un'imposta del sistema tributario italiano. Si applica sulla componente immobiliare del patrimonio e accorpa l'imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF), le relative addizionali dovute in relazione ai redditi fondiari su beni non locati, l'imposta comunale sugli immobili (ICI).

Per effettuare autonomamente il calcolo del Tributo si rinvia all'apposita sezione''Calcolo IMU''.

Per le modalità di pagamento e l'elenco dei principali Codici Tributo si rinvia all'apposita sezione di questo sito relativa ai pagamenti.

NOVITÀ IMU PER L'ANNO D'IMPOSTA 2020

La Legge di bilancio 2020 (l'art. 1, commi da 738 a 783 Legge 27.12.2019, n. 160, con decorrenza dal 01.01.2020), riorganizza la tassazione comunale sugli immobili. Ha abolito la IUC, Imposta Unica comunale, ad eccezione della TARI, e l'ha sostituita con una nuova IMU 2020.

La nuova IMU 2020 mantiene l'esenzione già prevista per IMU e TASI per la prima casa, quella definita come abitazione principale.

Non è più prevista, invece, l'esenzione per l'unità immobiliare disabitata di titolari di pensioni estere iscritti all'AIRE. Inoltre non e prevista più la quota per l'inquilino.

Requisiti

Il presupposto dell'imposta municipale propria è il possesso di immobili, esclusa, a decorrere dal 01/01/2014, l'abitazione principale e le pertinenze della stessa, ad eccezione di quelle classificate nelle categorie catastali A/1-A/8 e A/9.

Costi

Le aliquote della nuova IMU 2020 devono essere ancora deliberate dal Consiglio Comunale, pertanto il pagamento della Prima rata dovrà avvenire sulla base delle aliquote vigenti nell'anno precedente.

Normativa

l'Imposta Municipale Propria (IMU) è stata istituita dall'art. 13 del Decreto Legge 6/12/2011, n. 201, convertito con modificazioni dalla Legge 22/12/2011, n. 214 e disciplinata dal medesimo articolo 13, dagli articoli 8 e 9 del D.Lgs 14/03/2011, n. 23, dall'art. 4 del D.L. 2/03/2012, n. 16, convertito con modificazioni dalla Legge 26/04/2012, n. 44, dall'art. 1, comma 380, della Legge 24/12/2012, n. 228 e dall'art. 1, commi 707-729, della Legge 27/12/2013, n. 147.

La disciplina regolamentare dell'Imposta Municipale Propria è contenuta nel Regolamento sull' Imposta Unica Comunale (IUC) approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 6 del 05/08/2014, allegato.

La nuova IMU è stata istituita dalla L. 160/2019, articolo 1, commi 738 e successivi.

Documenti da presentare

La dichiarazione IMU può essere compilata accedendo all'apposita sottosezione del Calcolo IUC.

Termini per la presentazione

I soggetti passivi devono presentare la dichiarazione entro il 30 giugno dell'anno successivo alla data in cui il possesso degli immobili ha avuto inizio o sono intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione dell'imposta, utilizzando il modello approvato con l’apposito decreto ministeriale. La dichiarazione ha effetto anche per gli anni successivi sempre che non si verifichino modificazioni dei dati ed elementi dichiarati cui consegua un diverso ammontare dell'imposta dovuta. Con il citato decreto, sono, altresì, disciplinati i casi in cui deve essere presentata la dichiarazione.
Restano ferme le dichiarazioni presentate ai fini dell'imposta comunale sugli immobili, in quanto compatibili.
E' fatta salva la facoltà per il contribuente di presentare la dichiarazione anche in via telematica, seguendo le modalità di cui al successivo comma 4. 
Gli enti non commerciali presentano la dichiarazione esclusivamente in via telematica, secondo le modalità approvate con apposito decreto del Ministero dell'economia e delle finanze. La dichiarazione per l'anno 2012 deve essere presentata entro lo stesso termine previsto per quella relativa all'anno 2013.

 

Incaricato

Rag. Eliana Masala

Tempi interni

Vedi regolamento allegato

Tempi esterni

Vedi regolamento allegato

Tempi complessivi

Vedi regolamento allegato

Termini e modalità di ricorso

Se il contribuente ritiene illegittimo o infondato un atto emesso nei suoi confronti (ad esempio avviso di liquidazione o di accertamento, cartella di pagamento), può rivolgersi alla Commissione tributaria di Nuoro, per chiederne l’annullamento totale o parziale, entro 60 giorni dalla sua notificazione (artt. 18 e 21 del D.lgs. 546/92). Il ricorso, in regola con il contributo unificato previsto dall'art. 37 del D.L. 98/2011, è proposto mediante consegna o spedizione a mezzo plico raccomandato, al Comune di Tertenia, con avviso di ricevimento (art. 16, commi 2 e 3, e art. 20 del D.lgs. 546/1992). Successivamente il ricorrente, entro 30 giorni dalla poposizione del ricorso, dovrà costituirsi in giudizio mediante deposito della copia del ricorso presso la segreteria della Commissione Tributaria Provinciale di Nuoro secondo le modalità di cui agli art. 18 e 22, comma 1, del D.Lgs. 546/92.

Per la disciplina del ricorso tributario è possibile visionare le informazioni presenti sul sito dell'Agenzia delle Entrate.

Il contribuente che ritenza di aver ricevuto un avviso di accertamento contenente dati errati, può presentare istanza di annullamento o revisione in autotutela al Comune di Tertenia.

 

Documenti allegati

Documenti allegati
Titolo  Formato Peso
Deliberazione del Consiglio Comunale n. 10 del 2012 'Approvazione Aliquote e detrazioni per l'applicazione dell'Imposta Municipale Propria - Anno 2012. Formato pdf 282 kb
Regolamento IUC Formato pdf 243 kb
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto